TECNICHE DI LAVAGGIO

 

Lavare correttamente l’auto è importante sia per evitare di creare swirls sulla carrozzeria, ma anche per eliminare gli inquinanti che si depositano sulla vernice. Il ciclo di lavaggio va adeguato in base allo stato dell’auto. Se si presenta molto sporca bisogna effettuare un buon prelavaggio con dei prodotti sgrassanti. Se invece l’auto presenta uno sporco leggero ed è stata protetta con cera, sarà sufficiente effettuare un lavaggio più leggero che preservi la protezione della cera precedentemente applicata.

DI SEGUITO ELENCHIAMO LE FASI CORRETTE DI LAVAGGIO

 

  • Fase 1 – Prelavaggio:Possiamo effettuare tale operazioni in diversi modi:
    • – con pistola “foam gun” collegata all’idropulitrice, in questo modo, con uno shampoo sgrassante specifico, riuscirete a creare una schiuma densissima. Una volta ricoperta l’auto la lasciate agire per qualche minuto (prestando attenzione a non farla asciugare) in modo da far ammorbidire e sollevare parte dello sporco, poi risciacquate con l’aiuto del getto dell’idropulitrice.
    • – con pistola “foam master” collegata direttamente ad un tubo di gomma e con lo stesso shampoo. Non si avrà la stessa schiuma che potete avere con l’aiuto dell’idropulitrice, ma vi sarà di grande aiuto!
    • – con “pompa sprayer
  • Fase 2 – Lavaggio:Noi utilizziamo la tecnica a due secchi. Un secchio con acqua e shampoo e un secchio con sola acqua, per risciacquare la spugna o guanto (in questo modo uno resterà sempre più pulito). Sul fondo del secchio inserire la grit guard, si tratta di una griglia in plastica che fa staccare lo sporco e i sassolini raccolti dalla spugna, lasciandoli posare sul fondo del secchio, evitando quindi di graffiare l’auto.La spugna o il guanto dovranno essere in microfibra o in lana, di alta qualità, utilizzate sempre due spugne una per la parte alta dell’auto e una per la parte bassa dove normalmente lo sporco è maggiore.Partite sempre dal tetto dell’auto per poi scendere nelle parti più basse. Prendete la spugna/guanto e immergetela nel secchio con lo shampoo, iniziate a passarla delicatamente sulla carrozzeria ricordandovi di risciacquarla molto spesso nell’apposito secchio con sola acqua. Controllare sempre che lo shampoo non asciughi sull’auto. Al termine del lavaggio sciacquare tutta l’auto con acqua.
  • Fase 3 – Asciugatura:È importante asciugare bene l’auto per evitare la formazione di macchie di calcare. Per l’asciugatura consigliamo di usare un panno in microfibra specifico, perché rispetto alla pelle di daino è più delicato e crea meno segni. Durante l’asciugatura cercate di strofinare solo l’indispensabile e tamponate sul pannello in modo da fare meno abrasioni possibile. Per rifinire l’asciugatura, nel caso rimanessero macchie o aloni, utilizzate un Quick Detailer sulla zona interessata e lavorate il prodotto con un panno in microfibra pulito e asciutto.
    Con il compressore d’aria potrete poi eliminare l’acqua dalle guarnizioni, evitando che una volta in marcia, le goccioline d’acqua macchino la carrozzeria.
    Al termine del lavaggio è opportuno lavare e risciacquare panni e spugne. Per non sciupare i panni in microfibra smacchiarli solamente con sapone specifico o con marsiglia classico senza profumi all’interno (i quali andrebbero ad intasare le fibre).

 

  • Fase 4 – Pulizia Vetri:I vetri devono essere puliti con un buon detergente specifico, sia esternamente che internamente. Questi prodotti vanno usati con panni in microfibra adatti allo scopo, in modo da non lasciare aloni.
    Piegate il panno in 4, spruzzate una piccola quantità di detergente sul panno e applicate sul vetro con movimenti lineari, dopo l’applicazione girate il panno sul lato asciutto per asciugare e per rifinire la pulizia del vetro.